domenica 31 gennaio 2010

NUOVI ORARI REPERIBILITA' ASSENZE PER MALATTIA

Dal 4 febbraio 2010 cambieranno di nuovo le fasce di reperibilità relative alle assenze per malattia, con qualche positiva deroga.

A distanza di pochi mesi dall’ultima ulteriore modifica del sistema dei controlli sullo stato di malattia, il ministro della Funzione Pubblica conferma la volontà di allungare nuovamente le fasce di reperibilità dei dipendenti pubblici, perché, in modo ingrato, hanno approfittato della volontà di benevola apertura effettuata con il DL. 78/09.
Come si ricorderà la Legge 133/09 aveva portato le fasce di reperibilità dei pubblici dipendenti ad 11 ore giornaliere (con una sola ora d’aria dalle ore 13 alle ore14), in netto contrasto con le 4 ore stabilite dai CCNL e in linea con quanto avviene negli altri settori, poi riportate di nuovo a 4 ore nell’estate di questo anno con il decreto anticrisi (DL. 78/09).
Il ministro torna ora sui suoi passi e in applicazione del DLgs 150/09 (art. 55 – septies) reintroduce per decreto di nuovo una differenziazione nelle fasce di reperibilità dei dipendenti pubblici, rispetto a quelli privati.
L’allungamento delle fasce di reperibilità porta così a 7 ore complessive giornaliere il tempo in cui può essere effettuata la vista a domicilio in casa, nel caso di assenza per malattia: dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.
Finalmente si introduce il principio dell’esclusione dall’obbligo di reperibilità nei casi in cui l’assenza per malattia sia dovuta a:
- patologie gravi che richiedono terapie salvavita
- infortuni sul lavoro
- patologie per riconosciuta causa di servizio
- stati patologici sottesi o connessi alla situazione di invalidità riconosciuta
Si considerano inoltre esonerati dall’obbligo di reperibilità i dipendenti pubblici nei confronti dei quali sia già stata effettuata la visita fiscale, per il periodo indicato nella prognosi.
Il decreto è stato pubblicato il 20 gennaio 2010 sulla G.U.R.I. e, quindi entra in vigore dal 4 febbraio 2010.

QUI DI SEGUITO SI RIPORTA IL CONTENUTO INTEGRALE DEL DECRETO

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
DECRETO 18 dicembre 2009 , n. 206
Pubblicato sulla G.U. n. 15 del 20-1-2010
(testo in vigore dal: 4-2-2010)
Determinazione delle fasce orarie di reperibilità per i pubblici dipendenti in caso di assenza per malattia.
IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L'INNOVAZIONE
Visto il decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, recante: «Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della produttivita' del lavoro pubblico e di efficienza e
trasparenza delle pubbliche amministrazioni»;
Visto l'articolo 69 del menzionato decreto, che ha introdotto l'articolo 55-septies (Controlli
sulle assenze) nel decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165;
Visto in particolare il comma 5 del predetto articolo 55-septies, il quale prevede che le fasce orarie di reperibilita' del lavoratore, entro le quali devono essere effettuate le visite mediche di controllo, sono stabilite con decreto del Ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 13 giugno 2008, recante delega di funzioni del Presidente del Consiglio dei Ministri in materia di funzione pubblica al Ministro senza portafoglio On. Prof. Renato Brunetta;
Ritenuto necessario, nel determinare le fasce orarie di reperibilita' dei lavoratori, tener conto di situazioni particolari che rendono opportuno giustificare l'esclusione dalla reperibilita' stessa;
Acquisito il parere del Consiglio di Stato reso nell'Adunanza della Sezione consultiva per gli atti normativi del 26 novembre 2009, n. 7186/09 del 10 dicembre 2009;
Vista la comunicazione effettuata alla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi da parte del Dipartimento della funzione pubblica con nota del 14 dicembre 2009, prot. n. 53210, ai sensi dell'articolo 17, comma 3, della legge n. 400 del 1988;
Visto il parere espresso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi con nota del 18 dicembre 2009, prot. n. DAGL/2.32.4/22-2009;

A d o t t a
il seguente decreto: Determinazione delle fasce orarie di reperibilita' per i pubblici dipendenti in caso di assenza per malattia.

Art. 1
Fasce orarie di reperibilita'
1. In caso di assenza per malattia, le fasce di reperibilita' dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni sono fissate secondo i seguenti orari: dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.
L'obbligo di reperibilita' sussiste anche nei giorni non lavorativi e festivi.

Art. 2
Esclusioni dall'obbligo di reperibilita'
1. Sono esclusi dall'obbligo di rispettare le fasce di reperibilita' i dipendenti per i quali l'assenza
e' etimologicamente riconducibile ad una delle seguenti circostanze:
a) patologie gravi che richiedono terapie salvavita;
b) infortuni sul lavoro;
c) malattie per le quali e' stata riconosciuta la causa di servizio;
d) stati patologici sottesi o connessi alla situazione di invalidita' riconosciuta.
2. Sono altresi' esclusi i dipendenti nei confronti dei quali e' stata gia' effettuata la visita fiscale
per il periodo di prognosi indicato nel certificato.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara' inserito nella Raccolta ufficiale degli atti
normativi della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Roma, 18 dicembre 2009
Il Ministro: Brunetta
Visto, il Guardasigilli: Alfano
Registrato alla Corte dei conti il 14 gennaio 2010

113 commenti:

  1. brunetta sei il primo fannulone

    RispondiElimina
  2. Gli orari indicati non favoriranno certamente una buona digestione in presenza di controlli sanitari proprio alle ore 15,00. Probabilmente il Nanetto, proprio perché tale, è provvisto di apparato digerente molto più breve e veloce !

    RispondiElimina
  3. Il bue che dice cornuto all'asino...tanto per non essere offensivi.

    RispondiElimina
  4. quindi, detto ciò vorrei un chiarimento da chiunque sappia darmelo.... se è stato effettuato il controllo fiscale il lavoratore nn è più obbligato a rispettare tali fascie... giusto? questo in base all'ultima riga del decreto:
    Sono altresi' esclusi i dipendenti nei confronti dei quali e' stata gia' effettuata la visita fiscale
    per il periodo di prognosi indicato nel certificato. grazie in anticipo

    RispondiElimina
  5. Brunetta...............ma vai a .........!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  6. io sono un dipendente pubblico è ho un forte mal di schiena,dovrei muovermi ma ho la casa molto piccola con molte scale pertanto credo che la mia degenza sarà più lunga del previsto

    RispondiElimina
  7. vorrei chiedere al Caro Brunetta,se avesse due bambini di 30 e 14 mesi da passeggiare per asili, visite, ecc. e se non avesse la colf che sbriga per lui tutte le faccende domestiche, come riuscirebbe ad organizzare la propria giornata??? una mamma sola per dodici ore al giorno e che ogni tanto forse per la stanchezza eccessiva si becca qualche forma virale!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma hai bisogno di un medico o di una baby sitter ?

      forse il problema principale non è il ministro di turno, ma essere consapevoli dei propri bisogni e dei propri doveri !

      Elimina
    2. io ho 3 figli e mia moglie lavora come cameriera quindi e' un lavoro non leggero io dico sono rimasto in malattia 23 giorni e ci siamo organizzati di conseguenza non e' una situazione permanente quindi non ne vedo il dramma i figli hanno 12 mesi 40 mesi 72 mesi quindi fate voi io mi sono organizzato ed e' andato tutto bene non si puo' dire caspita sono in malattia e non posso portare il bimbo all'asilo una persona che e' malata sta a casa per il bimbo ci si organizza non credo che si conosca nessuno per portare il bambino all'asilo un vicino una persona fidata booo.

      Elimina
    3. io sono un dipendente privato e l'unica cosa che posso dirti e che qualora anche voi per andare in ferie o per prendervi un permesso di assenza dovrete aspettare la disponibilità del completo personale non sarete mai vittime del lavoro come noi che nonostante tutto vi paga lo stipendio e vi permette di fare anche il bello e cattivo tempo (FINCHE SARETTE IN ESUBERO NON AVETTE MOTTIVO DI LAMENTELA DI NESSUN TIPO VOI CON MENO DI 40 ORE SETTIMANALI E Venerdì ORARRIO BREVE DOVRESTE LAVORARE E TACERE

      Elimina
  8. ma questi orari valgono anche per chi ha un contratto apprendistato?io mi sono fatto male sul lavoro e adesso sono infortunio per 10 giorni e vorrei sapere se questi orari valgono anche per me o se ho dei altri orari?

    RispondiElimina
  9. ... a questo punto, noi dipendenti pubblici ci conviene andare al lavoro, anche se ammalati, chiudere a chiave la porta dell'ufficio, dormire sei ore, poi timbrare ed adare a casa, i nostri colleghi (visto che siamo sulla stssa barca) concordano e... come si dice "una mano lava l'altra"... sarà meglio così, tutto fumo.. meno assenze sulla carta ma per quanto riguarda il lavoro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PROVATE AD USCIRE DAGLI SPORTELLI QUALCHE VOLTA .E VEDRETE COME CI TRATTATE A VOLTE .. CARI DIPENDENTI PUBBLICI .SPECIALMENTE QUELLI MERIDIONALI CHE OCCUPANO I POSTI NEGLI UFFICI DEL NORD . BISOGNEREBBE FILMARVI A VOLTE X QUANTO CAFONI E MALEDUCATI SIETE !!!!HA RAGIONE BRUNETTA !!!!!UFFICI POSTALI PIENI .DI PERSONE CHE ATTENDE DAVANTI AGLI SPORTELLI . UNA PERSONA SOLA ... E LE ALTRE 2 AL BARETTO A FIANCO DELL'UFFICIO CHE TRANQUILLAMENTE SI PRENDE IL CAFFè òòòO ADDIRITURA SI VA A FARE LA SPESA !!!!! HA RAGIONE BRUNETTA !!!

      Elimina
    2. ...ma, veda caro Signore, io sono un dipendente pubblico e non credo che Il Signor Brunetta abbia ragione...o meglio, concordo con Voi sul fatto che ci sono dei casi da perseguire, ma per fortuna sono sporadici... Le garantisco che nella maggior parte dei casi vi sbaglite...

      Elimina
  10. Mi vergogno di aver votato UN MIO DIPENDENTE che oggi vessa in continuazone i suoi DATORI DI LAVORO. CHIEDO SCUSA A TUTTI HO SBAGLIATO.
    Attenzione che Beppe Grillo col il 2% è una piccola rivoluzione.
    Cordiali Saluti.
    Stefano

    RispondiElimina
  11. c'è anche da dire che il pubblico non si fa funzionare apposta,perche se il pubblico funzionasse poi come farebbero i brunetti e gli amici suoi politucoli a elargire milioni di euro di consulenze ai loro amici e agli amici dei loro amici(mafiosi)...?????
    meditate gente,meditate.
    approposito,renato brunetta è lo stesso brunetta che dal 1982 faceva il consulente economico del cinghialone craxi,quello dele voragini del debito pubblico,lui che ha affossato l'italia dopo 40 anni viene di nuovo a fare il ministro antifannulloni,quando sarebbe piu semplice che la lotta la facesse a lui stesso e a tutti i fannulloni come lui.
    L'Eternauta.

    RispondiElimina
  12. mimmochicco10/05/10 17:30

    Il Ministro Brunetta scarica sui dipendenti le colpe della Pubblica Amministrazione, farraginosa non certo per i sui dipendenti, ma per l'enorme castello legislativo che ci sovrasta tutti e che i pubblici dipendenti, loro malgrado sono costretti a rispettare e far rispettare. Per non parlare dei numerosi "colleghi" scelti dalla parte polica che con il loro "dolce far niente" contribuiscono pure a far ammalare i colleghi che lavorano e che da oggi, quando accadrà, saranno condannati agli arresti domiciliari. Siamo senz'altro fuori della Costituzione.

    RispondiElimina
  13. Abito in un piccolo centro dove vi è una piccola farmacia aperta in orari comemrciali. Chiedo gentilmente al Ministro se può andare lui a comperare le medicine prescritte stamane dal mio medico perchè sino alle 18 sono in attesa della visita fiscale e dalle 13 alle 15 la farmacia sopra riportata è chiusa. In attesa di guarigione Grazie

    RispondiElimina
  14. brunetta,la gelmini e berlusconi,son 3 bravi fannulloni

    RispondiElimina
  15. ho a che fare quasi quotidianamente con la pubblica amministrazione per motivi di lavoro. Come in tutti i luoghi di lavoro c'è chi non lo trovi mai al suo posto o perchè è "dal direttore" o perchè è "al caffè" o perchè è a casa per malattia.... e quando lo trovi e gentilmente chiede qualche informazione si scoccia pure...
    Altri, invece, che tanto di cappello per il lavoro che svolgono.
    La mia modesta opinione è che dovrebbero assumere dei dirigenti e pagarli in base al lavoro che svolgono loro stessi e tutto il loro staff.

    RispondiElimina
  16. Ecco perchè tutto dell'Italia funziona così bene, abbiamo brunetta in sala macchine!!! Complimenti!!!

    RispondiElimina
  17. Scommetto che siete tutti statali: bravi,sempre a lamentarvi.
    Se siamo arrivati a tanto è perchè in passato qualcuno (molti) ha approfittato della situazione di scarso controllo per fare i suoi porci comodi alla faccia dei contribuenti, se non vi sta bene perchè non vi trovate un lavoro nel privato? Vedrete, innanzitutto, che non esiste che un collega timbri per altri 7 ecc. ecc.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ok concordo , infatti tutta questa gente che si lamenta sono nella maggior parte dei fannulloni che dovrebbero essere cacciati a calci nel culo

      Elimina
  18. Brunetta? Troppo poco: ci vorrebbe il Duce!!

    RispondiElimina
  19. non si capisce perchè oggi dobbiamo pagare per chi in passato ha fregato il dirigente (che probabilmente anche lui si faceva i porci comodi!) che non ha vigilato e non ha fatto venire la voglia ai fannulloni di lavorare!

    e comunque non preoccuparti, conosco tanta gente che anche nel privato ha sempre trovato il modo per non fare nulla, c'è gente che fuma solo per avere il diritto alla pausa sigaretta!
    tu fumi?

    RispondiElimina
  20. penso che per chi non ha voglia di lavorare ovunque vada e sempre lo stesso

    RispondiElimina
  21. Mi devi far capire il nanerottelo se anche le forze di polizia con cause di servizio sono esclusi dalla visita fiscale perche' onestamente ne io ne lo stesso brunetta abbiamo capito come ci si deve comportare .

    RispondiElimina
  22. sono 32 anni che non mi mettevo in malattia,credo che dopo il D.L.31 mAGGIO 2010 N.78,PENSO DI FARE ALL'ANNO 45GG,MALATTIA RICONOSCIUTA PER CAUSA DI SERVIZIO,SAREBBERO SEMPRE POCHI PER QUESTI PARASSSITI CHE CI GOVERNANO.

    RispondiElimina
  23. come impiegata comunale cha ha subito un infortunio sul lavoro mi confermate che non devo rispettare gli orari della reperibilità?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma vai a cagare.paraculo.

      Elimina
  24. le donne dipendenti inpdap indipendentemente dalla manovra possono andare in pensione con 35 anni di servizio e 57 anni di età? e la riduzione di quanto può essere? grazie mille

    RispondiElimina
  25. intanto brunetta ha scovato un bel po' di fannulloni mantenuti ......

    RispondiElimina
  26. io che sono solo e certi articoli di prima necessità li tengo in cantina devo morire di fame perchè non posso uscire dal mio appartamento oppure ho qualche speranza di non andare ad incappare a guai perchè il medico di controllo non mi ha trovato in casa?

    RispondiElimina
  27. Brunetta ministro????..ha ha ha, credo che un rom analfabeta a sto punto potrebbe tranquillamente essere eletto presidente della repubblica....beh, dato che abbiamo anche Berlusconi presidente del Consiglio poi...

    RispondiElimina
  28. 1) Brunetta è stato il primo dipendente pubblico fannullone! 2) ora è il politico fannullone 3) secondo la sua logica i dipendenti sono segnalati fannulloni dai direttori, guarda caso che i direttori sono i principali nullafacenti e incompetenti tutti paraculati e incapaci!!!! come possono giudicare gli altri se sono loro i primi ad essere in fallo???!!!! Brunetta Brunetta!!! non bastano i buoni principi, ma i mezzi per metterli in atto altrimenti, come nel tuo caso, si rischia solo di peggiorare la situazione!!!! sveglia caro sveglia!!! mi chiedo come hai fatto dormendo ad arrivare fin lassù??!!!...mah, non è che percaso sarai anche tu un paraculato????? ha hah ah

    RispondiElimina
  29. ma è possibile che tutto quello che fa questo governo è sbagliato ?
    Guarda aso tutti quelli che scrivono trovano solo scuse . compreso quello che dalle 15 alle 18 vule comprare le medicine che puo andare tranquillamente dopo le 18 fino alle 19.30 sono aperte le farmacie . Oppure il dipendente pubblico che dice che va a lavorare e dorme sul posto di lavoro e poi timbra , mi sa che il ladro sei te non il governo berlusconi , e non stai fregando lui ma me che lavoro . La solita Italia a trovare scuse su tutto anche quando non hanno senso .....

    RispondiElimina
  30. Italiani finiamola di litigare tra di noi. Pensiamo sempre nel dire: io, più di te, tu meno di me. QUESTO COMPORTAMENTO NON CI FA CRESCERE. IL LAVATIVO E' SEMPRE ESISTITO. QUINDI..METTIAMOLO IN MINORANZA. GIUDIZIO SU BRUNETTA: predica bene e razzola male.

    RispondiElimina
  31. Non sono d'accordo su alcuni punti delle riforme del Ministro Brunetta:
    1) Vogliono fare cassa risparmiando sulle indennità del salario accessorio dei dipendenti pubblici (fregandosene di chi sta male) nonostante costoro raggiungano gli obiettivi che gli son stati assegati da perseguire nell'anno; e giustificano questa norma affermando che nei giorni di malattia non si è produttivi e non spetta salario accessorio per i primi 10 gg di malattia!!!... ma quando Brunetta è malato gli viene pagata lo stesso l'indennità di Ministro? gliela mandano lo stesso la visita fiscale a casa?
    2) non capisco che differenza debba esserci tra i dipendenti pubblici e le forze dell'ordine che non sono soggetti a nessuna decurtazione dallo stipendio nel caso di assenza per malattia...cos'è loro sono produttivi anche in malattia?...per non parlare della L.104 dove un dipendente pubblico a diritto di assentarsi tre giorni al mese (per chi ha una persona con hancidap o non autosufficinete in casa, ecc, ecc) e fin qui tutto bene!!! sommati ai 2.5 gioni al mese di ferie per un totale di di almeno 68 gg di assenza all'anno, per un totale di più di tre mesi senza lavorare all'anno percependo lo stesso lo stipendio base ed il salario accessorio (la produttività)!!! mi sà che c'è qualcosa che non va in questa riforma...caro Brunetta stai solo facendo cassa e lo hai dimostrato anche bloccando lo stipendio per tre anni ai dipendenti pubblici...ma quando si va in ospedale oppure in infortunio allora ci paghi lo stesso il salario accessorio...questa riforma va rivista ed anche subito...si rischia che tutti si mettono in infortunio o vadano in ospedale...ed alla fine dovrete cacciare più soldi di quelli che risparmiate nelle decurtazioni sia per la spesa sanitaria in genere che per mantenere le strutture ospedaliere per ricoveri e visite fiscali..

    RispondiElimina
  32. secondo voi i politici sono soggetti a controlli?questa non e' una domanda ma serve solo a farvi capire che non serve a niente fare tanti commenti contro di loro,se poi siamo noi a portarli al governo.state a casa quando ci sono le elezioni e forse riusciremo a cambiare un po' il sistema.

    RispondiElimina
  33. Chi comanda al giorno d'oggi (di qualunque parte politica) è semplicemente un incapace e un assai poco fine psicologo. In questo modo si demotivano solo i dipendenti, che magari vanno a lavorare, ma farà resistenza passiva dandosi da fare il meno possibile. Questo è ciò che vedo ora nel mio ufficio (comunale) e mi ricordo benissimo i tempi di mia madre, anch'essa dipendente comunale, che magari usciva 10 minuti per comprare il pane senza timbrare, ma che sentiva il Comune come cosa sua e si prendeva a cuore il funzionamento dei servizi. Che infatti funzionavano meglio. O sono dei colossali ingenui, o davvero hanno tutto l'interesse a non far funzionare le cose per piazzare i loro amici consulenti a salvare la patria....

    RispondiElimina
  34. siamo alle solite i dipendenti publici sono il faro portante di questa italia ormai ultimo paese della comunita e come al solito devo anche sottostare agli pisico nani (berlusca brunetta bb),che non è acromio della famosa BB,loro pensano che il lavoro dipendente rispetto al privato è solo assistenziale per questo ogni volta che un dipendente si ammala gli danno gli arresti domicilliari per questo reato.

    RispondiElimina
  35. Tutta la gente che lavora x vivere verrà sempre raggirata e sfruttata a favore di poki furbetti di palazzo.
    Finirà questo solo quando si perderà la cultura del servire e riverire capitooo;(siamo simili tra noi o no )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. M.S.I. DESTRA NAZIONALE20/03/12 10:52

      TROPPI POLITICI ..TROPPI PARACULATI ..TROPPI FANULLONI .TROPPA GENTE CHE PENSA SOLO ALLA SQUADRA DI CALCIO TROPPA GENTE CHE NON SI INTERESSA ..... TROPPA GENTE CHE SI LAMENTA E BASTA .. NESSUNO CHE AGISCE ,,,. E CHI LO FA VIENE ANNIENTATO SUBITO DA CHI TENTA DI PROTEGGERE ......... QUESTA è L'IGNORANZA POLITICA DELLA GENTE ...è ORA DI AGIRE .... X GOVERNARE UNA FAMIGLIA CI VUOLE UN CAPO FAMIGLIA .NON L'ANARCHIA ......DUX 4EVER!!!!!!!

      Elimina
  36. Su Brunetta si è detto tutto e di più, è un politico e come tale soffre dello stesso problema delle donne, il marchese, e quando gli vengono spara stronzate. La colpa è comunque degli statali per tre motivi: primo perché non hanno mostrato il proprio disappunto verso il provvedimento votanto un'altra corrente politica che non fosse il PDL; secondo perché hanno la CISL, il sindacato più rappresentativo tra gli statali, connivente e favorevole alla linea di Brunetta, un tempo non lontano sarebbe stato definito sindacato giallo, a cui non hanno dato la disdetta; terzo perché riducendo le malattie per non avere la decurtazione sullo stipendio, hanno indirettamente dimostrato che la teoria Brunetta non era sbagliata, come dire che siete una massa di coglioni.

    RispondiElimina
  37. Proporrei di inlcudere anche i nostri politici, non sono anche loro dipendenti pubblici, per cui non dovrebbero rendere conto anche loro delle assenze???

    RispondiElimina
  38. a questo punto penso che voi dipendenti pubblici e' ora che iniziate a lavorare

    RispondiElimina
  39. Raramente sono assente dal lavoro, questa notte sono sveglia per la forte influenza e per qualche giorno dovrò starmene rigorosamente a casa. Mi toglieranno il compenso accessorio dallo stipendio, è giusto?... Purtroppo ora non è più possibile aver diritto di star male. Forse, dato che sono un'insegnante, dovrei andare a scuola e scatenare un'epidemia in classe, motivo in più per vendere qualche vaccino. Oltre il danno, la beffa. Grazie Brunetta...

    RispondiElimina
  40. Al signore che ha postato prima di me (20/10): stia tranquillo che la maggioranza dei lavoratori dipendenti è seria e responsabile... e paga le tasse.

    RispondiElimina
  41. per cambiare i politici e queste assurde leggi quando ci sono le elezioni non bisogna stare a casa ma bisogna andare e scarabocchiare tutte le schede elettorali cosi gli facciamo capire che noi vogliamo cambiare l'italia ma non con loro..... cosi se ne vanno a casa tutti loro.... pensateci!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  42. cazzo siamo peggio dei carcerati 2 ore d'aria al giorno! Ho un bambino piccolo da portare all'asilo e sono in malattia in attesa di un intervento, mio marito esce di casa alle 7 del mattino e torna alle 17e30, se ha il turno alle 20e30. Ditemi voi come faccio! è assurdo e ridicolo. una persona è in melattia non in galera!! Federica

    RispondiElimina
  43. sono una dipendente inpdap non approvo brunetta ma se siamo obiettivi diciamo che il pubblico inpiego ci marciava e alla grande come per le pensioni beby le malattie con controlli soft che alcuni miei colleghi svolgevano altri lavori mentre erano in malattia ! Ma non possiamo pagare noi le colpe di altri vi pare!!!!!

    RispondiElimina
  44. Veramente per certi fannulloni, negli enti statali e pubblici sono a migliaia, ci vorrebbero cento...mille... Brunetta.

    RispondiElimina
  45. Ma,non capisco...se siete davvero malati, di che avete paura.

    RispondiElimina
  46. tutti pronti aa lamentarsi .. ma quando dovete aspettare un anno per una visia medica o fare file da stadio negli ufici pubblici perchè il personale manca, tutti imprecano ,equando qualcuno fa qualcosa per tutelare il cittadino ...tutti leoni a brontolare .. matutti cnigli a metere il vostro nome .

    RispondiElimina
  47. che cattiveria !!! dipendenti del pubblico o privato sono uguali...sempre italiani sono! e in quanto tali hanno la capacità innata di raggirare il sistema! Il problema siamo noi e la mentalità di un paese che dal vertice della piramide del lavoro fino alla base pensa solo a se stesso incurante del bene della collettività!!! perciò non ne farei una male dell'ambiente pubblico.

    RispondiElimina
  48. oooooooooooooooooooooooooooooooooppppppppp

    RispondiElimina
  49. Forse sbaglio ma so che quando faceva il prof . (se mai l'ha fatto) era il primo assenteista e forse e' per questo che sa ..."come fare",le leggi o qual si voglia decreti su certi argomenti.
    Il brunetta , il non alto (nano non si puo' dire) deve sapere che fin dalle piu' antiche civilta' ,vedi egizi o Romani (quanto gliè pesa sta parola a sto imbe.....). Le antiche piramidi o le costruzioni di grandi opere ROMANICHE avvenivano perche' pagati incentivati alla "cosa" e non con sola repressione o ARRESTI DOMICILIARI..........vuole togliere l'assenteismo che certamente esiste in tutto IN TUTTO IL MONDO incentivi il non alto .

    RispondiElimina
  50. Perchè per Brunetta, dipendente pubblico, le regole non valgono? Mah.

    RispondiElimina
  51. Sono un dipendente di una SPA in infortunio sul lavoro per 20 giorni.Devo sottostare ai controlli orari? Grazie a tutti

    RispondiElimina
  52. non so come fanno a criticare i dipendenti publici,quando il nostro ministro pugnetta dovrebbe stare zitto!gli darei a lui 1000€ al mese con il mutuo e figli a carico da mantenere! i nostri governanti si rubano 20000€ al mese e non fanno niente!!!! si assenntano dall lavoro senza nessuna giustificazione!!! 2 legislatute anno la pensione!! troppo bella la vita!! se dobbiamo combiare allora incominciamo da loro!!! visto che quanto costa un politico ci pago 20 dipendenti comunali!!! aprite gli occhi che ce la stanno mettendo nell culo senza vasellina!!!!

    RispondiElimina
  53. Se si ha la coscienza pulita non c'è nulla di cui aver paura,
    altrimenti altro che Brunetta, tutto fà paura

    RispondiElimina
  54. ...credo che per cambiare qualcosa ormai ciascuno debba portare avanti le piccole del quotidiano nel proprio piccolo e per quanto gli sia concesso, rispettando le regole di base e facendole rispettare a chi incontriamo. ad esempio: suonare in autostrada a quelli che si fermano in corsia di emergenza a fare la pipì anche quando c'è un autogrill a 2 km, non far passare l'auto che si impone sulla vostra corsia senza mettere la freccia, chiedere sempre lo scontrino (anche nei ristoranti cinesi!!), non aver paura di perdere il lavoro facendo finta di niente ed essendo omertosi anche di fronte ad un mobbing attuato da parte dell'azienda (anche se sono gli altri colleghi sui quali si accaniscono), fare tranquillamente la spia se c'è un fannullone che non vuole proprio cambiare atteggiamento, .......... e poi: NON VOTARE BERLUSCONI. Anche nel Magreb stanno facendo la rivoluzoine nelle strade per allomtanare la classe politica, noi qui non siamo ancora capaci!

    RispondiElimina
  55. brunetta mezza pugnetta sei il primo fannulloned'italia e tutti i politici fregasoldi...vergognateviiiii non aggiungo altro andrei sul pesante

    RispondiElimina
  56. sono un dipendente pubblico nel settore scuola e inviterei i signori anonimo,anonimo,anonimo dipendenti del privato a venire nella mia scuola a vedere una giornata di lavoro di chi sta negli uffici di chi fa il bidello o il tecnico e rendersi conto che il tempo per cazzare non cè.Siamo con un organico sempre più ridotto e il fatto che ci licenzino al ritmo di migliaia e migliaia non giova di sicuro alle pulizie dei locali, alla sorveglianza dei VOSTRI figli e all'efficenza degli uffici a cui VOI vi rivolgete.Sembra VI faccia piacere ma ricordate che i figli e i problemi che avete VOI sono uguali ai nostri,stessi mutui stessi figli e stessa fame.Pensate che qualcuno di noi ha addirittura sposato una operaia che sta in cassa integrazione e prima di diventare un lavativo ha lavorato nel privato e non potete raccontargli delle grandi balle perchè VI conosce signori del privato.Qualcuno ha parlato di Brunetta ed è poco quello che è stato detto ,credo che quel signore stia prendendo ancora lo stipendio di insegnante oltre a quello di ministro e magari anche qualcosa come consulente.Perchè i politici non rispondono alle domande che postiamo nei blog,perchè in televisione nelle interviste nessuno chiede mai loro quanto prendono di stipendio,quanti parenti hanno sistemato, perchè non rispondono di tutti gli scandali e fannullaggini documentate da foto e filmati in parlamento,ministri che dormono,cazzeggiano e litigano peggio dei portuali.Perchè signori anonimi che criticate noi del pubblico impiego non aprite gli occhietti e vi rendete conto che sono loro la controparte,non noi,sono loro che ci stanno mangiando i salari e la vita,creandosi un'isola felice con tanto di cittadella ospedale perchè si sa il pubblico vien tagliato e qualche volta funziona male gioco forza,da dove noi siamo esclusi.Non vedete che siamo ridotti a semplici bestie da sfruttare e spremere perchè Loro possano vivere negli agi,non vedete che ci stanno riducendo alla fame? Ferruccio di Bassano del grappa

    RispondiElimina
  57. ferruccio, hai fatto goal, il problema non sono gli orari di reperibilità della malattia, ma il TRATTAMENTO, riservato ai lavoratori dipendenti (tutti), che tengono insieme lo stato pagando le tasse (visto che non possono evadere perché controllati)e pagano la classe politica che ci governa e ci vessa. anni addietro si parlava di unificare (normativamente) i contratti tra pubblico e privato rendendo questi ultimi più simili a quelli pubblici, questo sta avvenendo però al contrario, e stiano tranquilli i colleghi del privato che quando avranno terminato con noi del pubblico, portandoci a livello del privato, tutti insieme percorreremo la strada dell'ulteriore peggioramento, nel frattempo continuiamo a farci la guerra tra i poveri e a dare ragione a chi si beve il nostro sangue, e a seguire le vicende a luci rosse del governo, che si infiamma per salvare l'onorabilità del suo buon nome ma si guarda bene di discutere i problemi reali dei cittadini, caro vita sempre più alto, strapotere delle banche, ecc.., ai nostri figli disoccupati e vessati poi racconteremo qualche scusa per evitare di dir loro che siamo stati troppo stupidi o vigliacchi.

    RispondiElimina
  58. e' tutta una presa per il culo la nostra "CARA AMATA ITALIA" governo ladroooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  59. siamo governati da una massa di vecchi bavosi di cui il piu' giovane ha piu'di 70 anni, ma fatemi il piacere!!!!!!!!!!spazio ai giovani e a gente che ha voglia di fare. Ma quello che mi stupisce e' che a 70-90 anni fanno anche i festini "privati" con le escort o buca.... e pu....oltre tutto con i nostri soldi

    RispondiElimina
  60. bisogna resettare tutti, stanno rubando a spese di chi lavora veramente. Assurdo i privilegi e le pensioni che percepiscono per andare a dormire o litigare al parlamento, e comunque per quello che fanno molto o poco non è ammissibile quello che gli spetta sono un italiano schifato da questa situazione.

    RispondiElimina
  61. grande brunetta falli soffrire.....siete i primi lazzaroni......bidelli e postini.......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e un italia di ladri e disonesti. di raccomandati e di leccaculo.e di egoisti.sono italiano ma mi vergogno di esserlo,ma la colpa e tutta di quelli sopraelencati.ci sono troppi ignoranti in questa italia.e ai parlamentari proprio quelli servono. come ai datori di lavoro piu siamo ignoranti e meglio ci sfruttano e c...inculano. svegliamoci . siamo gli schiavi del 2012.

      Elimina
  62. Gasperino er carbonaro19/02/11 05:14

    ...abbiamo una classe politica vergognosa!!!
    c'è chi riceve dei soldi sottobanco per comprarsi casa accanto al colosseo... chi invece li sperpera per fare festini nel"regno di Arcore" e tra un bunga-bunga e l'altro si fa qualche legge per "pararsi" le sue flaccide natiche oltre a compiere mirabili magie trasformando igieniste dentali,sculettanti ballerine e simili addirittura in Eurodeputati...chi dedica una strada a Milano a Bettino Craxi colui che è riuscito a quintuplicare il nostro debito pubblico.... chi si compiace delle catastrofi(vedi Abruzzo)dove si è speculato come non mai (v'informo che il costo al MQ reale di quelle casette prefabbricate è di circa Euro 800,00 mentre a noi sono costate oltre Euro 3000,00!!!)....per non parlare di personaggi come Ferrara o della Santanchè che hanno il coraggio di difendere colui che sta portando il nostro paese alla rovina... un paese tenuto in scacco della Lega della quale fanno parte personaggi arroganti,razzisti,rozzi che parlano di Roma ladrona e poi a Roma ci vivono ed ingrassano il loro ventre e di loro portafoglio...leghisti che hanno dichiarato anticostituzionale l'istituzione di un giorno di festeggiamenti per i 150anni della nostra povera nazione...un vero schifo!!!!!!! ...ma in fondo la colpa è solo nostra che li lasciamo fare continuando a farci prendere per il sedere senza reagire!!!!
    Svegliaaaaaaaaaaaaaa!!!!

    RispondiElimina
  63. Brunetta non è la quantità del lavoro ma la qualità stimola le persone a lavorare con incentivi appropriati, agevola le madri con asili nidi interni come fanno in Germania e vedrai quanto cambierà la qualità e anche la quantità sarà molto differente. Punire non serve a nulla.

    RispondiElimina
  64. Chi è in infortunio sul lavoro, dovrebbe sapere , che non è soggetto a visita medico fiscale, e questo perchè la pratica di infortunio inizia al pronto soccorso. Ma credete pure a me quando dico che è meglio cercare di non infortunarsi.......
    rischiereste di stressarvi e stancarvi continuamente tra i mille fogli e pratiche che dovrete esibire per certificare il vostro infortunio.....!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  65. E' GIUSTO COSI'... SEI STAI MALE STAI A CASA... DIVERSAMENTE PUOI ANCHE ANDARE AL LAVORO! IO SONO IMPIEGATO PER UN AZIENDA PRIVATA..SE DOVESSI FARE COME FANNO CERTE PERSONE CHE BEN CONOSCO... MI AVREBBERO GIA' BUTTATO FUORI A CALCI NEL SEDERE !!! SE STO' A CASA DUE GIORNI GIA' MI GUARDANO MALE...ALTRO CHE CERTI STATALI CHE SI FANNO LE SETTIMANE INTERE! .. POI PER QUALCUNO PAGANO TUTTI !!!!!

    RispondiElimina
  66. Sono una dipendente statale,l'uomo e' bello perche' ognuno e' diverso dall'altro,pero'non si possono punire tutti solo perche' non si riesce a scovare il colpevole.Sig. Brunetta noi siamo italiani come gli altri e come TE.

    RispondiElimina
  67. brunetta caccia i soldi che noi ci stiamo già cacciando il ....

    RispondiElimina
  68. sono un dipendente pubblico da pochi anni,prima,per circa 25 anni, ero nel privato.il decreto Brunetta è stato "miracoloso"l'estate scorsa e durante le feste natalizie,Dovreste ringraziarlo invece di scrivere quello che vi è suggerito dai politici.Ma al lavoratore privato non ci pensa mai nessuno?

    RispondiElimina
  69. dalle proteste sembra che questo paese vada avanti solo con enti pubblici.....ma mi faccia il piacere.....

    RispondiElimina
  70. Sono dipendente pubblico da un anno. Gli anni prima ero dipendente privato da ben 17 anni. Gli orari sono piu che accettabili in quanto se uno è ammalato veramente non ha bisogno di uscire piu di tanto. Le patologie che richiedono di uscire sono certificate e quindi esulano da questa cosa. Piuttosto io adotterei gli stessi orari anche per i privati. Quello che non si capisce infatti è la disparità. Detto questo finiamola e finitela di darvi addosso tra privati e pubblici. Possibile che in italia ci sia sempre e dico sempre voglia di scontro? c'è sempre una diversità da far pesare all'altro. Siamo LAVORATORI sia pubblici che privati....P.S. sono dalla parte opposta dell'odierno governo ma questa la ritengo una cosa giusta.

    RispondiElimina
  71. Se sono stati fatti questi orari è perchè qualcuno se ne approfittava. Se eravamo tutti lavoratori questo non accadeva. Imparate a lavorare e non a fare i fannulloni e l' Italia cambierà

    RispondiElimina
  72. anonimo del 07/04/2011 quando parli degli altri prova a pensare(ovviamente se ci riesci) che non tutti sono come te:bravi onesti e lavoratori.Ci sono persone che come me sono costrette a stare in casa quando stanno male, e potrebbero fregarsene;ma non ci riescono perchè essere giudicati assenteisti da questo governo mi dà noia, viste le loro abitudini...lavorative.Se seguissimo il loro esempio andremmo in a lavorare(nel loro caso in aula) solo quando ci interessa;e magari a leggere il giornale fare i giochini o timbrare per gli assenti.

    RispondiElimina
  73. Che differenza c'è fra pubblico è privato ?
    stipendi simili, anni di lavoro prima di poter andare in pensione quasi simili, potere contrattuale forse per il privato va un po meglio,penso che nessun lavoratore possa auto certificarsi la malattia quindi se qualcuno fa il furbo sicuramente il medico è in mala fede.
    Perchè il Sig. Brunetta non prova ad incentivare tutti i lavoratori ? proponendo loro uno stipendio pari al suo ? e magari con la promessa che dopo 5 anni senza neanche un giorno di malattia noi lavoratori tutti si possa andare in pensione. Questo governo , i precedenti ed i futuri tanto sempre gli stessi vogliono solo affamare il popolo, quanto passerà prima che si veda anche in Italia la rivolta del popolo come in Grecia in Libia e così come in tanti altri paesi ? Io penso ancora poco ormai il vaso sta per traboccare .

    RispondiElimina
  74. Brunetta spero che finirai presto sotto un metro e mezzo di terra fresca. Con una bella croce sopra con su scritto: "qui giace l'8 nano. Perfidiolo". e a fianco a te Berlusca.

    RispondiElimina
  75. Io, dipendente privata non ho parole, oltre ad aver la filosofia del calcio nel sedere per occupare una sedia da dipendente statale avete anche il coraggio di lamentarvi perche se siete in malattia dovete stare a casa....ma sbaglio o malattia è uno stato di salute che non ti permette di lavorare, percio se non puoi lavorare non puoi andare a fare shopping, dal parrucchiere etc.. La spesa per le necessita' la si puo fare dopo le 18 o nell'ora di pranzo; come tutto cio che uno stato di malattia,che ti impedisce di lavorare, ti permette di fare. Io sono in malattia per un grave incidente stradale e ho riiniziato a lavorare prima di guarire del tutto, solo perche mi sento responsabile del mio lavoroe so di creare un problema all'azienda che mi da lo stipendio. Sono tornata in malattia perche stavo ancora male, ma pagherei oro per non aver creato un disservizio e un problema sul lavoro. Se l'italia fosse fatta di veri lavoratori non ci sarebbe bisogno di fasce orarie!!! Vergognatevi invece di lamentarvi del basdo livello dei servizi pubblici per disinteresse di chi vi lavora che subiamo!!!!

    RispondiElimina
  76. ps. mi sbaglio o i commenti sono in orario di ufficio, quando noi cittadini paghiamo con i nostri contributi i vostri stipendi, ed invece di lavorare siete sul pc ad insultare chi fa come fareste voi al loro posto!! Ma fatemi il piacere! Ripeto allo specchio e vergognatevi!!

    RispondiElimina
  77. brunetta vai a fare l operaio.bamboccione.

    RispondiElimina
  78. Berlosconi fannullone???? non mi sembra affatto lo sia stato dato il raggiungimento della sua posizione! hahahahah

    RispondiElimina
  79. SONO UNA RAGAZZA DI 23 ANNI SONO STATA CONDANNATA AGLI ARRESTI DOMICIGLIARI ( MALATTIA) PERCHE UN PAZZO UBRIACO AD 1,30 DAL USCITA DAL LAVORO MI HA COMPLETAMENTE SBALZATA CON LA MACCHINA DAL ALTRA PARTE DELLA STRADA .... HO LA MACCHINA DISTRUTTA ,HO LE OSSA DEL COLLO E DELLA SPINA D ORSALE INCLINATE ,E DEVO PURE STARE IN CASA 12 ORE ZITTA E MUTA!!!! I MIEI COMPLIMENTI AL POSTO DI CONTROLLARE I PAZZI I MEZZO ALLE STRADE METTETE PURE LE VITTIME AGLI ARRESTI DOMICILIARI.. COMPLIMENTI HAI POLITICI I VOSTRI 5 MILA EURO AL MESE SONO PROPRIO GUADAGNATI!VERGOGNATEVI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  80. il mio medico curante è presente in ambulatorio dalle 16,00 alle 18,00 per eventuale prognosi.......che faccio?

    RispondiElimina
  81. FORSE LA RAGAZZA DI 23 ANNI A CASA PER UN INVESTIMENTO E' RIMASTA UN PO' INDIETRO...............AL MESE NE PRENDONO OLTRE 20.000...
    CMQ IO TROVO CHE I LAVORATORI PUBBLICI E PRIVATI SONO LAVORATORI E BASTA, NON CI DEVONO ESSERE DISPARITA' DI TRATTAMENTO. IO NON CAPISCO PERCHè IO CHE FACCIO L'INFERMIERA IN UN PRONTO SOCCORSO DEVO ANDARE IN PENSIONE A 65 ANNI E UNA COLLEGA CHE LAVORA NEL PRIVATO CI VA' A 60!! SECONDO VOI E' LEGALE CIO'??

    RispondiElimina
  82. io nn ho capito ma a che ora sono gli orari in cui si deve stare a casa ..qualucono pi puo rispondere grazie

    RispondiElimina
  83. un dipentente di una societa marittima privato si infortunio a bordo ecluso dalle visite fiscale a casa o no sapete dirmi se esiste un articolo su questa domanda che vi oposto distinti saluti

    RispondiElimina
  84. caro brunetta,ti ricordo che non sono i dipendenti
    pubblici a far sparire milioni di euro con le strutture mai completate,ponti incompleti,mazzette richieste ai grandi imprenditori,decoder comprati con i soldi pubblici(emittente privata),gratta e vinci (che non si vince più),lotto e super enalotto che mi danno da pensare,paghe esagerate ai politici e tante altre cose che non sto ad elencare.

    RispondiElimina
  85. Io sono una dipendente pubblica nella mia vita ho subito 10 interventi per varie patologie tra cui alcune molto serie.In questo periodo sono a casa in malattia per seri problemi alla schiena ed ho solo 42 anni e per colpa di chi si è approfittato ingiustamente dei diritti dei malati, io che ne avrei diritto ora ho delle difficoltà.Non mi sembrano così terribili questi orari di reperibilità, se sei veramente malato non ti pesano affatto.Ho sempre lavorato, nonostante le mie patologie, anche coprendo i turni di chi faceva malattia e poi andava a spasso o a fare un altro lavoro. Sono contenta che abbiano messo questi orari e non mi pesano perchè sono veramente malata purtroppo

    RispondiElimina
  86. I CONTROLLI DEVONO ESSERE FATTI DALLE 00,00 ALLE 24,00 PERCHE' SE SIETE MALATI DOVETE STARE A CASA E' PER QUESTO CHE STIAMO ANDANDO IN MALORA PER COLPA DI QUELLI CHE CI HANNO SEMPRE MARCIATO SU QUESTE COSE.SEI MALATO ? OK STAI A CASA MA LA GIORNATA NON TE LA DEVONO PAGARE VEDETE COME VANNO A LAVORARE ANCHE CON DUE LINEETTE DI FEBBRE LAVATIVI !

    RispondiElimina
  87. Vorrei rispondere all'ultimo stronzone che ha scritto questa baggianata colossale; la malattia non significa per forza non essere in grado di uscire, e si può essere malati, inabili a lavoro temporaneamente cioè, anche solo avendo un dito rotto o un legamento lacerato o un occhio operato, ciò non impedisce all'individuo di non uscire ma con le più recenti leggi si deve stare a casa anche a costo di cadere in depressione.

    RispondiElimina
  88. strunz e mica lavorano tutti in ufficio come te,fallito::::ragiona prima di scrivere! risposta a chi dice che si scrive in orario di ufficio..

    RispondiElimina
  89. il pagliaccio che ha scritto il 24/11 dovrebbe collegare il cervello prima di scrivere certe boiate; Tu affermi che non ti devono pagare la giornata se sei malato. Daccordo ma ci hai pensato che un giorno potresti ammalarti anche tu o i tuoi figli?
    Comunque il problema della malattia sopratutto in alcuni enti locali e il alcune aree geografiche è reale, ma ciò non toglie che siano tutti lavativi. Lavoro nella PA a Milano e ho lavorato in due Enti Locali, ma posso affermare che personalmente non ha mai conosciuto nessuno che facesse malattie ad hoc.
    Anzi quando lavoravo nel privato c'era una signora che puntualmente stava a casa almeno una volta la settimana na senza che nessuno potesse (come ho letto sopra) cacciarla a calci.
    Devo dire che un po' mi dava fastidio, ma poi mi sono chiesto con quale diritto mettevo in discussione un certificato medico; magari la signora aveva davvero bisogno di quei giorni di malattia. Come potremmo averne bisogno tutti un giorno, sperando che non succeda mai.

    RispondiElimina
  90. E' una vergogna,ormai manca il rispetto per la persona,io voglio capire ma un povero disgraziato che si ammala,deve anche mangiare,se non ha nessuno che svolge qualche incombenza al posto suo,cosa fa non mangia,non compra le medicine ecc.questi sono diventati proprio ridicoli, vorrei vedere loro al posto della povera gente che si ammala,che vergogna,che schifo di nazione,bisogna andare via dall'Italia,ormai non offre più niente di buono,iniziassero loro chi promuove certe leggi a dare il buon esempio,visto che sin'ora hanno creato solo danni.

    RispondiElimina
  91. STATALI, NON VI LAMENTATE SEMPRE... SIETE BRAVI SOLO A TIMBRARE ALLE 14...

    RispondiElimina
  92. bravo brunetta hai vinto un nanetto dddddd'oro!!!!!

    RispondiElimina
  93. finalmente uno che vi ha scoperto. forza brunetta anche al prossimo governo. fagli vedere a quelli statali come si lavora!

    RispondiElimina
  94. all'ultimo rispondo:non sono una statale e non li difendo,ma visto in che situazione è l'italia rifletti,i loro datori di "lavoro"non gli danno buono esempio!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  95. ormai non abbiamo più diritti ma solo doveri
    le lotte che hanno fatto i nostri padri per aver qualcosa in più una vita migliore più dignità ecc.li abbiamo persi per cosa? Per mantenere quella schiera di politici che ci governa. loro si che hanno diritti..............

    RispondiElimina
  96. Ho lavorato per 10anni in un Ente Pubblico, ora da due ci hanno "trasformato" in privati(socio unico la Provincia).Non ho visto mai nella mia vita tanta INCOMPETENZA,LASSISMO,ASSENTEISMO e SERVILISMO POLITICO come ora, se il reuccio di turno fischia, si scatta sugli attenti!Ci sono ammalati "a tempo" giustificatissimi da qualche sindacato e dai "padroni" e reali sofferenti che devono SGOBBARE per tutti,senza vaselina.E' UNO SCHIFO!!! Xavier

    RispondiElimina
  97. sapete,e un'ora che leggo un mare di stronzate,alcune tento di capirle ma alcune propio son indigeribili,mi chiedo ma perchè tutto questo problema per sapere che orari di controllo ci sono,è cosi importante? io son 7 giorni in malattia (AMMALATO) lavoro in fabbrica,dove qualcuno nemmeno sa come ci si sporca le mani,e vi dico la verità la malattia non e bella da fare, ma avvolte veramente quando viene la considero anche un momento per staccare,visto che lavoro come un fosennato,senta togliere nulla ad altri èèè!! comunque apparte questo io penso che se si e malati non ci si pongono tanti problemi ..hai bisogno di medicine ce sempre qualquno che gentilmente puo andartele a prendere,e questo e per rispondere al disperato,che ha la fermacia chiusa in certi orari, ragazzi capisco che si voglian sapere gli orari di controllo,ma se questo e quello che interessa a una persona malata,questa persona non lo è...comunque poi ognuno si organizza come vuole,io cerco di esser corretto fino in fondo sapendo che con la crisi di lavoro che ci si trova ora,preferisco non rischiare licenziamenti o altre cause varie che posson esser addotate ..questo è un mio punto di vista ciao. ai lavoratori statali e a i non....e ricodate ognuno ha la sua a cui pensare,non rompiamoci il culo per altri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo condivido in pieno...finalmente un pensiero intelligente...

      Elimina
  98. o brunetta prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr !!!!!!!!

    RispondiElimina
  99. caro popolo di lamentosi forse non vi siete accorti che ci troviamo in una grave crisi , ed in parte è provocata proprio da chi giornalmente si lamenta. Come in tutti i posti di lavoro esistono i fannulloni e quelli che sono malati immaginari è chiaro che chi non condivide sono queste persone. Una persona se veramente è ammalato non pensa all'orario del controllo ma pensa a guarire. Dimostrate di essere veramente dei lavoratori che l'Italia ne ha veramente bisogno o perlomeno dimostriamo a chi ci comanda che siamo più responsabili di loro.

    RispondiElimina
  100. ma gissero a caca sti magnamerda e usurpatori dei soldi nostri!!!

    RispondiElimina
  101. volevo sapere se anche la domenica ci sono i controlli...

    RispondiElimina
  102. sette giorni su sette

    RispondiElimina

COMMENTI VOLGARI, OFFENSIVI, ECC.
NO, GRAZIE!!